Tag

Come ogni anno “Sardegna Terra di Pace – Amici di Medjugorje in Sardegna” promuove un pellegrinaggio in terra sarda come espressione della continua preghiera per il popolo sardo. Quest’anno le mete sono Pozzomaggiore, paese natale della venerabile Dio Edvige Carboni e la basilica della SS. Trinità di Saccargia situata nel Comune di Codrongianos.

Per quanti desiderano partecipare è disponibile un Pullman da Cagliari con partenza alle ore 6:15 da Via dei Giudicati fronte T-Hotel. Info e Adesioni: 070501756 – 3395606417. Vedi Locandina per programma e orari.

POZZOMAGGIORE, PRESSO LA CASA NATALE DI EDVIGE CARBONI
Nella lettera apostolica Porta Fidei, Papa Benedetto XVI afferma che: ”Per fede, nel corso dei secoli, uomini e donne di tutte le età hanno confessato la bellezza di seguire il Signore Gesù là dove venivano chiamati a dare testimonianza del loro essere cristiani: nella famiglia, nella professione, nella vita pubblica, nell’esercizio dei carismi e ministeri ai quali furono chiamati.”
Una di questi testimoni è sicuramente la Serva di Dio Edvige Carboni: la sua vita e i suoi scritti ci mostrano come sia possibile seguire Cristo e i suoi insegnamenti nella vita di ogni giorno, senza disgiungere mai la vita spirituale da quella secolare.
Dotata di una fede incrollabile, si accostava ogni giorno all’Eucarestia, che visitava ogni pomeriggio sin dalla più tenera età. Fu arricchita di doni soprannaturali fino ad essere configurata, nella sua carne, a Gesù Crocifisso, ma non dette mai importanza ai tanti carismi ricevuti: per Edvige era molto più importante esercitare la carità per amore del Signore. Non fu esente da persecuzioni e umiliazioni di ogni genere, ma offrì tutta la sua vita, le sue sofferenze, le incomprensioni e le calunnie a Dio, per la salvezza dei peccatori, per il bene della Chiesa e in suffragio delle anime del Purgatorio.

CODRONGIANOS, BASILICA DELLA SANTISSIMA TRINITÀ DI SACCARGIA
È considerata una delle più importanti basiliche di Sardegna e d’Italia, fu completata nel 1116 sulle rovine di un monastero preesistente per volontà di Costantino I giudice di Torres e di sua moglie Marcusa Lacon de Gunale . Secondo il “Condaghe di Saccargia”, durante un un pellegrinaggio votivo da Ardara (capitale del regno) alla basilica di San Gavino di Porto Torres, i due coniugi, furono ospitati dai monaci camaldolesi per trascorrervi la notte. Durante la notte, apparve loro la Madonna che assicurò ai giudici la grazia di poter avere un figlio che sopravvivesse alle difficoltà dei primi anni di vita se avessero edificato, nel luogo dove si trovavano, una grande chiesa da dedicare alla SS. Trinità. I due giudici disposero alla nascita del figlio Gonario di Torres, la costruzione della chiesa, intitolata alla Vergine e alla Santissima Trinità. In seguito furono eseguiti, da architetti e maestranze di scuola pisana, lavori di ampliamento.

Con viva fede intraprendiamo, giovedì 2 giugno 2016, questo itinerario di preghiera nei luoghi delle radici cristiane della Sardegna, come intercessione per tutto il popolo sardo, secondo le intenzioni della Regina della Pace. Saranno disponibili due pullman, uno da Cagliari e l’altro da San Nicolò d’Arcidano (OR).