Tag

, ,

Riportiamo la testimonianza dell’esperienza vissuta da Tonello e Sergio la sera di venerdì 30 giugno.
Dopo la preghiera mensile, secondo le intenzioni della Regina della Pace nella chiesa parrocchiale, ci si è recati in Piazza Regina della Pace per una preghiera di saluto alla Madonna. Fin dall’ingresso nella piazza abbiamo assistito ad uno spettacolo meraviglioso. L’intera piazza con al centro il simulacro della Regina della Pace era sovrastata da un arcobaleno che partiva da terra a destra per raggiungere il suo vertice in corrispondenza della statua della Madonna e poi scendeva nuovamente a terra al lato sinistro. Lo stupore è stato grande perché l’area all’interno dell’arco era di un altro colore rispetto al resto del cielo, era di tanti colori, di uno straordinario splendore, di bagliori sfavillanti da lasciare senza fiato. Estasiati dalla straordinaria visione, abbiamo contemplato a lungo questo evento per noi così straordinario, ci sembrava di essere in un’altra realtà. Il fatto trova senz’altro spiegazioni naturali, ma per noi che l’abbiamo vissuto in quel giorno, in quel luogo, con il maestoso arcobaleno che faceva corona al simulacro della Regina della Pace, immerso in quello straordinario splendore, è stato un segno. Siamo riusciti a documentare con alcune foto.

MARIA ARCO DI PACE E DI RICONCILIAZIONE
L’Iride, l’Arcobaleno che si ravvisa come un Arco, in cui riflettendosi e rifrangendosi i raggi del sole offre a noi un meraviglioso trionfo di colori. Nella Bibbia per la prima volta compare dopo il diluvio come segno di speranza e di pace per l’umanità. Maria è l’Arco dell’Alleanza, l’Arco della pace tra Dio e gli uomini, Colei che nel mondo svelò agli uomini il Volto di Dio

Maria Valtorta (lezione17ͣ 14.2.48)
«Arcobaleno: segno di pace. Arcobaleno: ponte fra Cielo a Terra. Nel 9° della Genesi è detto: “…porrò il mio arcobaleno nelle nubi e sarà il segno del patto fra Me e la Terra. E quando avrò accumulate le nubi (i castighi) nel cielo, nelle nubi comparirà il mio Arcobaleno ed Io mi ricorderò del mio patto… del patto sempiterno stabilito fra Dio e ogni carne”. Oh! veramente l’Arcobaleno di pace, la Corredentrice è fra le nubi, sopra le nubi, dolce astro che splende al cospetto di Dio per ricordargli che Egli ha promesso misericordia agli uomini ed ha dato il Figlio suo perché gli uomini abbiano perdono. Ma attiva si mostra e chiama, richiama l’Umanità alla Salvezza. L’ora di Maria. Quest’ora.»

Santa Brigida
La stessa Madre di Dio ha rivelato a Santa Brigida, in un’apparizione: “Questo arcobaleno, sono Io stessa che, con le mie preghiere, Mi abbasso e Mi chino sopra i buoni e i cattivi abitanti della Terra. Mi chino sui buoni per aiutarli a rimanere fedeli e devoti nell’osservanza dei precetti della Chiesa e sui cattivi, per impedire loro di proseguire nella loro malignità e di diventare peggiori”.

San Bernardino da Siena Così, San Bernardino da Siena riguardo alla Vergine commenta: “Lei è l’arcobaleno dato dal Signore a Noè in segno di alleanza e come pegno del fatto che il genere umano non sarà più distrutto. E perché? Perché è Lei che ha dato alla luce Colui che è la nostra pace, Colui che di due nature ha fatto una sola persona”.

Vedi articolo: I due soli a San Nicolò d’Arcidano