Tag

, ,

Il Rosario per la pace nel mondo unisce Roma e santuari dei cinque continenti, inclusa Fatima e Medjugorje

Papa Francesco, martedì 31 maggio festa della Visitazione della Vergine a santa Elisabetta, a conclusione del mese di maggio, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, ha guidato la preghiera del rosario per la pace nel mondo e in Ucraina. La preghiera si è svolta in collegamento con i maggiori santuari mariani del mondo compresi Fatima e Medjugorje. A sostenere la preghiera del Santo Padre erano presenti varie categorie di persone in rappresentanza del Popolo di Dio.

“Questa sera, alla fine del mese a te particolarmente consacrato, siamo di nuovo qui davanti a te, Regina della Pace, per implorarti: concedi il grande dono della pace, che la guerra che infuria da diversi decenni e si è diffusa in varie parti del mondo e ora ha invaso anche il continente europeo, si concluda presto.” “Siamo certi che con le armi della preghiera, del digiuno, dell’elemosina, e con il dono della tua grazia, si possano cambiare i cuori degli uomini e le sorti del mondo intero. Oggi eleviamo i nostri cuori a Te, Regina della Pace: intercedi per noi presso il Tuo Figlio, riconcilia i cuori pieni di violenza e di vendetta, raddrizza i pensieri accecati dal desiderio di un arricchimento facile, su tutta la terra regni duratura la tua pace.”

Il Papa prende la parola dopo aver fatto deporre un piccolo omaggio floreale di rose ed orchidee ai piedi dell’antico simulacro della Vergine voluto nel 1918 da Benedetto XV per chiedere la fine della Prima Guerra Mondiale.

Lì dove è tradizione che i fedeli depongano dei piccoli biglietti scritti a mano con le loro intenzioni di preghiera, Papa Francesco legge la sua.