Tag

,

Che il progetto fosse una cosa straordinaria, era divenuto chiaro a tutti i soggetti coinvolti (parroco, Sindaco ed il gruppo “Amici di Medjugorje in Sardegna”): il 28 di Agosto 2012, il Consiglio Comunale di San Nicolò d’Arcidano approva all’unanimità l’intitolazione a “Piazza Regina della Pace” dell’area dei giardini di via Lazio. Subito viene fatto l’appalto per la sistemazione della piazza e rapidamente si concludono i lavori. Frutto della generosità dei fedeli, la statua della Madonna, identica a quella che si trova a Medjugorje, è già pronta. In meno di due mesi tutto è completato per procedere all’inaugurazione. I tempi rapidi, considerando il coinvolgimento dell’Amministrazione Pubblica, hanno del prodigioso. Era chiaro il segno: la Regina della Pace aveva fretta di prendere il suo posto nella piazza.

Il giorno dell’inaugurazione c’era un vento non forte, abbastanza gradevole data la buona temperatura. Abbiamo ricordato un messaggio della Regina della Pace:

Il vento è il mio segno. Io verrò nel vento. Quando il vento soffia sappiate che io sono con voi… Sono con voi nel vento. Non abbiate paura. [15 Febbraio 1984]

Prima della benedizione, mentre i fedeli recitavano il rosario, il vento è riuscito a sollevare il velo e a scoprire una parte del viso della statua tra l’emozione e la commozione generale; sembrava che la Madonna avesse urgenza di manifestarsi nel suo splendore, di essere realmente quello che la statua rappresenta: una presenza, la presenza della Regina della Pace accanto a noi, con noi, a dispensare le sue grazie sulla Sardegna e a quanti a Lei si rivolgono. Che questo sia vero, lo dimostra la straordinaria storia raccontata da Anna.

“Sono stata a Medjugorje a Settembre per la festa dell’Esaltazione della Croce. Il primo giorno attraversando il corridoio dell’albergo, giunta in prossimità di alcuni gradini, pur essendo sola, ho sentito una mano che mi ha spinto con forza. Sono caduta rovinosamente facendomi molto male a una gamba per cui non ho potuto fare le salite alla Collina e al Krizevac come desideravo e come ho sempre fatto. È stato un pellegrinaggio molto sofferto per l’impossibiltà di camminare e per il dolore. La gamba era gonfia, piena di lividi e le prime cure non avevano sortito alcun effetto. Rientrata in Sardegna ad Oristano le cose sono andate gradualmente peggiorando nonostante le cure nella clinica. I medici praticavano nella gamba le aspirazioni degli stravasi ematici con grosse siringhe senza che si verificasse alcun miglioramento. Mi guardavo la gamba sempre gonfia piena di liquidi con lividi diffusi e i segni delle incisioni per le aspirazioni, con un dolore che diventava insopportabile e mi domandavo se mai sarei guarita, se mai avrei ripreso l’attività di prima. Ero molto demoralizzata e i medici stabilirono che lunedì 22 ottobre, dopo la terapia avrebbero deciso sull’intervento. Domenica 21 ottobre era prevista a San Nicolò d’Arcidano l’inaugurazione della “Piazza Regina della Pace” e la benedizione della statua della Madonna. Non potevo e non volevo mancare. Sconsigliata da tutti, sono andata alla cerimonia accompagnata da alcune amiche.”

La testimonianza prosegue col racconto di quanto accaduto nella Piazza Regina della Pace.

“Mi hanno accompagnato sorreggendomi fino al centro della Piazza. I posti erano tutti occupati, ma c’è stato chi mi ha lasciato la sedia, in piedi non avrei proprio retto. Così mi sono trovata alla sinistra della Madonna dal lato in cui tende la mano. Potevo vedere bene la statua e il palco con l’altare.”

Inizia la cerimonia con la proclamazione del nome della Piazza, segue la processione con le confraternite, le ragazze nei costumi tradizionali, i chierichetti, il vescovo con i sacerdoti, il prefetto con i sindaci. C’è lo svelamento della statua della Regina della Pace che appare ai numerosi fedeli in tutto il suo splendore. Segue il rito di benedizione: il vescovo asperge la statua con l’acqua benedetta, segue il momento emozionante dell’incensazione della Madonna.

“Sentivo un forte dolore alla gamba, non sapevo se ce l’avrei fatta a resistere per tutta la cerimonia. Forse aveva ragione chi mi aveva sconsigliato dal venire. Mentre per il dolore mi angustiavo in questi pensieri, ho visto la Madonna vicinissima a me. Non riuscivo a capacitarmi, emozionata e confusa stringevo gli occhi. All’amica che mi stava vicina ho detto che oltre al male della gamba mi stava venendo una malattia agli occhi oppure la Madonna mi stava guarendo dalla miopia. Lei, la Regina della Pace era lì, vicinissima, non era una statua perché era viva, bellissima e mi guardava sorridendo. Nel corso della cerimonia poi, la Madonna si è avvicinata una seconda volta con lo stesso sguardo, lo stesso sorriso. Ero in gran confusione con il cuore in tumulto, piena di gioia e di spavento insieme. Cosa voleva dire tutto questo? Mi è accaduta poi un’altra cosa singolare. Ero molto preoccupata al momento della comunione dei fedeli: il dolore alla gamba si faceva sempre più forte, insopportabile. Non ero in condizioni di stare in piedi e tantomeno di avvicinarmi al sacerdote che era distante tra la folla dei fedeli. Nell’alzare lo sguardo, con sorpresa vedo dei sottili pali che partivano da dove ero seduta e a breve distanza l’uno dall’altro si succedevano in mezzo alla folla fino al punto in cui il sacerdote distribuiva la comunione. Ho sentito un’energia che mi ha fatto alzare e sostenendomi ai pali che io vedevo, afferrandoli alternativamente con una mano e poi con l’altra, sono arrivata dal sacerdote che mi dato l’eucarestia, era il sacerdote con cui ero stata l’ultima volta in pellegrinaggio. Allo stesso modo, afferrandomi ai pali sono tornata al mio posto. Mi sono poi resa conto che quei pali li vedevo solo io, mentre gli altri vedevano una signora che con le mani faceva dei gesti di afferrare l’aria procedendo in una maniera stramba. Chi sa che cosa avranno pensato nel vedermi muovere in quel modo.”

In effetti, alcuni hanno fatto presente il comportamento soprendentemente insolito di Anna, conosciuta come persona di grande compostezza, riservata, equilibrata, avulsa dall’attirare l’attenzione con gesti o particolari atteggiamenti. (A proposito dei sottili pali, un sacerdote, ascoltata la testimonianza, dirà di non meravigliarsi e di essere a conoscenza di altri casi, uno nel Lazio, in cui sono comparsi questi sostegni per chi aveva difficoltà a camminare. Sono i “bastoni della Madonna”).

La solenne cerimonia è giunta poi alla conclusione tra l’emozione e la gioia generale, mentre si accendeva la bellissima illuminazione notturna e i fedeli si affollano intorno alla statua della Madonna per contemplarla da vicino, sostando in preghiera. I cantori facevano risuonare le melodie medjugorjane e molti si avviavano verso la palestra, dove veniva offerta una consumazione per tutti. Anche per Anna era arrivato il momento di alzarsi.

“Le amiche hanno cercato di aiutarmi, ma io mi sono alzata da sola e abbiamo iniziato a camminare. Mi hanno fatto notare che camminavo senza zoppicare e ho risposto loro che in effetti sentivo la gamba più leggera. Volevano che ci fermassimo a prendere qualcosa, data l’ora, ma io desideravo solo rientrare a casa. Durante il viaggio di rientro sentivo nella gamba un calore fortissimo, bruciante. Giunta a casa, la prima cosa che ho fatto è stata quella di togliermi la scarpa e la calza per guardarmi bene la gamba. Non credevo ai miei occhi: la gamba era asciutta, sottile, scomparso ogni gonfiore, senza i lividi e senza i segni delle incisioni per le aspirazioni, la vedevo sana come se mai avessi avuto alcun problema, completamente guarita. L’emozione è stata grandissima , non ho dormito , ho pregato, pianto e ringraziato la Madonna tutta la notte. L’indomani lunedì 22 ottobre era il giorno fissato per la terapia in clinica e per la decisione dell’intervento. Mi sono presentata tutta gioiosa e sorridente. La dottoressa che era già pronta con una grossa siringa per le aspirazioni e al vedermi ha esclamato: “C’è poco da stare allegri, non lo sai che ti devo fare molto male?” e nel visitarmi, notando la scomparsa delle incisioni fatte, con grande meraviglia: “Che cosa è successo? La gamba non ha più niente, non c’è più bisogno di cure, è completamente guarita!”. Ho raccontato alla dottoressa che il giorno prima, pur stando molto male, ero stata a San Nicolò d’Arcidano per l’inaugurazione della Piazza e la benedizione della Statua della Regina della Pace e che lì avevo vissuto una straordinaria esperienza della speciale presenza della Madonna in quel luogo, tornando a casa con la gamba guarita”. Mentre parlavo è entrato il medico con cui si doveva decidere dell’intervento alla gamba e all’udire queste cose, con ironia mi ha detto: “Si vede che l’ha baciata la Madonna!”. Senza esitare, guardandolo con fermezza gli ho risposto: “Dottore, io sono certa che è stata la Madonna a guarirmi! Mi son fatta male cadendo a Medjugorje e la stessa Madonna di Medjugorje mi ha guarito nella sua Piazza a San Nicolò d’Arcidano.”

I medici non hanno potuto fare altro che constatare l’improvvisa guarigione. Anna, in seguito ha evitato di prendere l’ascensore ed è salita a piedi fino al quinto piano a casa di un’amica. È proprio guarita.

Giovedì 8 novembre, Anna si reca di nuovo a S.N. d’Arcidano nella Piazza Regina della Pace per ringraziare la Madonna e donare come segno di riconoscenza una bellissima rosa d’argento che è custodita nella Parrocchia. Il 12 novembre ha fatto la testimonianza della sua guarigione nell’incontro di preghiera degli “Amici di Medjugorje in Sardegna” nella cappella del seminario arcivescovile di Cagliari e sabato 1 dicembre nell’incontro di preghiera nella chiesa parrocchiale di San Nicolò d’Arcidano. Ha testimoniato poi davanti all’arcivescovo di Oristano e a diversi sacerdoti. E’ tornata poi diverse volte a pregare la Madonna nella Piazza Regina della Pace. La documentazione medica è stata completata e verrà consegnata al vescovo di Oristano e al Parroco di San Nicolò d’Arcidano.

Lode alla Regina della Pace che con le sue meraviglie fa sentire la sua materna presenza in mezzo a noi.