Tag

Siamo stati pellegrini a Medjugorje dal 22 al 27 Giugno per la festa della Regina della Pace, il 34° anniversario delle apparizioni. Sono state giornate straordinarie, ricche di grazia e benedizione. Siamo andati per vedere e toccare. Abbiamo visto e toccato la presenza della Regina della Pace. Un pellegrino ha chiesto:”Noi cosa vediamo?”. Qui non si tratta di vedere il sole che ruota o di essere testimoni di altri segni luminosi: questi fenomeni, infatti, sono in chiaro-scuro, mantengono sempre una certa ambiguità. Non si tratta di vedere con gli occhi materiali, ma di contemplare una visione superiore, una visione del cuore e dell’anima. Tante sono state le testimonianze di amici che hanno visto la propria storia con occhi nuovi, che hanno potuto toccare con mani spirituali la presenza e l’opera della Regina della Pace nella loro vita.
Siamo stati a Medjugorje con la certezza della Sua presenza, che appare e si rende presente ai veggenti in anima e corpo. È una certezza morale, di coscienza che rientra nella libertà individuale, è una certezza personale. Si dice:”Fino a che un’apparizione non è riconosciuta dalla Chiesa non ne si deve parlare e non ci si deve andare. Bisogna aspettare. In caso contrario vi ponete nell’imprudenza, nel disordine, nella disobbedienza”. Questa non è affatto la posizione tradizionale della Chiesa. Le apparizioni ed i segni del Cielo sono sempre stati un luogo di libertà. La libertà cristiana in questo campo rimane ampia, all’interno dell’ordine, della prudenza e della carità. Legge di libertà nello Spirito Santo che ispira anche l’umiltà e l’obbedienza (R. Laurentin). Amiamo il Papa non perché è simpatico (anche se lo è davvero), ma perché è il Vicario di Cristo (“Pasci le mie pecore” Gv 21, 17), perché è il successore di Pietro che ci conferma nella Verità, perché è segno ed espressione dell’unità dei credenti. Accettiamo tutte le disposizioni della Chiesa riguardo a Medjugorje, siamo e vogliamo restare in comunione con il Papa e con i vescovi ed in questo siamo figli obbedienti della Chiesa. Ci stiamo preparando al pellegrinaggio a Medjugorje per il Festival dei Giovani dal 31 Luglio al 6 Agosto con un numeroso gruppo di pellegrini. Abbiamo nell’anima l’amore per il Papa e per la Chiesa e nello stesso tempo amiamo Medjugorje e ringraziamo la Parrocchia per tutto il bene che abbiamo ricevuto in questi anni. Siamo portatori di una esperienza e di una testimonianza della speciale presenza della Regina della Pace a Medjugorje.