Tag

Domenica 21 Febbraio 2016, la seconda ed ultima giornata di incontro alla 25a Conferenza Nazionale della Divina Misericordia di Dublino in Irlanda, ha visto la partecipazione di Suor Briege McKenna, religiosa nota in tutto il mondo per aver ricevuto come dono il carisma delle guarigioni e della profezia.
Nata la domenica di Pentecoste del 1946, in una zona remota della Contea Armagh, in Irlanda del Nord, vide sin da subito la sua vita segnata da gravi dolori ma anche da grandi miracoli e rivelazioni. Dovette, infatti, affrontare la perdita della madre a soli 13 anni ma di quel triste giorno suor McKenna ancora oggi ricorda di aver udito, mentre piangeva a dirotto, una voce sussurrarle “Non ti preoccupare, mi prenderò cura io di te“.

Capì, dunque, di voler essere suora e chiese di essere ammessa alla Congregazione delle Suore di Santa Chiara della sua città natale dove, in occasione dei primi voti, fu nuovamente testimone di un evento straordinario: inginocchiata nella cappella, in attesa di essere chiamata, racconta di aver visto Gesù, vestito da buon Pastore, venirle incontro invitandola a seguirlo. Negli anni successivi, ebbe vari incarichi in diversi conventi finché nel 1965 le fu diagnosticata l’artrite reumatoide. Trasferitasi in Florida nel 1967, le sue condizioni peggiorarono progressivamente tanto da costringerla sulla sedia a rotelle. Ricorda di quel periodo le sofferenze non solo fisiche ma anche spirituali: rivela, infatti, che furono diverse le occasioni in cui mise in discussione la sua stessa fede. Avvenne poi il miracolo. Nel 1970 partecipò ad un ritiro dove ricorda di aver ascoltato varie conferenze sul potere della preghiera e dello Spirito Santo. Il 9 Dicembre 1970 racconta di aver guardato l’orologio (erano le 9:15 del mattino), di aver chiuso gli occhi e recitato le parole “Gesù, ti prego aiutami“. Ha quindi avvertito una mano sulla testa, ha aperto gli occhi ma non c’era nessuno se non un potere che attraversava il suo corpo. Le piaghe che prima segnavano il suo corpo erano improvvisamente scomparse tant’è che dice di essere balzata in piedi urlando “Gesù! Sei davvero qui!“. I dottori successivamente confermarono la guarigione alla quale seguirono i suddetti doni di guarigione e profezia. Da quel fatidico giorno suor McKenna non ha mai più avuto episodi di artrite reumatoide e ha svolto e continua a svolgere il suo ministero con un’energia mozzafiato che lascerebbe la maggior parte delle persone esauste.

Suor Briege McKenna frequenta Medjugorje sin dai primi giorni delle apparizioni della quale è stata testimone in diverse occasioni specialmente con Mirjana. Il suo legame con la regione tra i due monti comincia ancor prima della testimonianza dei veggenti. Nel Maggio 1981, infatti, la suora si trovava a Roma per partecipare ad uno speciale raduno dei membri del Rinnovamento Carismatico voluto da papa Giovanni Paolo II in occasione della Pentecoste. Qui ebbe modo di conoscere un gruppo di sacerdoti provenienti dalla diocesi di Mostar. Uno di questi religiosi, le chiese di pregare con lui per i giovani della sua regione che stavano perdendo la fede e soccombendo a causa della propaganda comunista. Dopo essersi raccolti in preghiera, si verificò la seguente apparizione che qui riportiamo come riferita da suor McKenna:

…ciò che vidi fu questo sacerdote croato seduto nella poltrona del celebrante… e guardava il corpo della chiesa… ed era pieno di giovani. E da dietro di lui, sull’altare, c’erano corsi d’acqua, come fiumi che scorrevano, ed i giovani raccoglievano l’acqua e la bevevano, e dopo averla bevuta sarebbero usciti e avrebbero portato altri dentro. Ho detto (al sacerdote):”Sa padre non si deve preoccupare, perché molti giovani verranno nella vostra chiesa“. Ho condiviso questo con lui.. Gli ho detto che ho visto una grande chiesa bianca con due campanili. E mentre dicevo queste parole, quasi contemporaneamente, padre Emile Tardif, che è un sacerdote del Sacro Cuore, un missionario… si avvicinò e colse questa parola profetica. Egli non poteva aver sentito quello che avevo detto perché stava parlando con un altro sacerdote il quale stava traducendo al frate croato. Ma Padre Tardif si avvicinò e disse:”Sapete, padre, la Madonna sta per visitare la vostra chiesa.

Circa un mese dopo, sono iniziate le apparizioni di Medjugorje e dieci anni più tardi, il regime comunista che stava soffocando la fede della gente, è caduto e la libertà religiosa è stata finalmente restaurata.

A distanza di tutti questi anni, suor McKenna, ha nuovamente parlato di Medjugorje. Nel suo intervento di domenica alla Conferenza Nazionale della Divina Misericordia, ha pronunciato le seguenti parole:”In questa epoca ci sono due grandi fiumi di misericordia divina che fluiscono nel mondo; Medjugorje, sebbene non sia stata ancora ufficialmente approvata dalla Chiesa, è il primo fiume. La confessione è la più grande e la più bella grazia. La gente va lì e io vado lì, anche due volte all’anno quando riesco… (Medjugorje) è come il mondo dovrebbe essere. La gente si lamenta spesso di dover tornare al mondo reale ma in verità, il mondo reale è Medjugorje e quello fuori è il mondo del peccato e dell’indifferenza. Questo è un fiume. L’altro è la Divina Misericordia“.