Interpretazione dello Stabat Mater di Andrea Parodi sulle scene della passione di Cristo tratta dal film di Mel Gibson.

Testo in lingua sarda del canto

Nadelu, Segnora mia
sezis cussa lastimada
chi giaman Maria?
Dite, Signora mia,
siete quella afflitta
che chiamano Maria?
Mama proite cuades
sa cara bianca che nie
nadenos pro chie?
Madre, perché nascondete
il volto bianco come la neve,
diteci, per chi?
Sa Segnora nostra ha piantu
totta sa notte a succuttu
mannu es su curruttu.
La nostra Signora ha pianto
singhiozzando tutta la notte
è grande il suo lutto.
Su sambene s’est’asciuttu
in sas venas de una rosa
mama dolorosa.
Il suo sangue si è asciugato
nelle vene di una rosa
madre dolorosa.
Sas ispinas disattentas
affliggidu han sas intragnas
de su Fizzu ’e Deu.
Le spine disattente
hanno afflitto le carni
del Figlio di Dio.
Ahi, isculta Fizzu meu
salvalu s’omine reu,
perdonalu culpidu.
Ascolta Figlio mio,
salva l’uomo reo,
perdona il peccatore.
Amen Amen
Mamas chi fizzos penades
mirade cantu dolore
mortu es su Segnore
Madri che penate mettendo al mondo i figli
guardate quanto dolore:
è morto il Signore.
Amen, amen. Amen, amen.