Il 15-16 Dicembre 2012, ricorre il novecentesimo anniversario della fondazione della Basilica SS. Trinità di Saccargia. L’Arcidiocesi di Sassari e il Comune di Codrongianos, in collaborazione con la Regione Sardegna, hanno organizzato una serie di eventi distribuiti nelle due giornate e consultabili nel seguente programma.

Il video qui sotto mostra alcune immagini della Basilica, accompagnate dal canto “Gosos de Saccarza” eseguito dal Coro di Codrongianos.

La Basilica di Saccargia è la più bella della Sardegna. La sua origine, secondo la tradizione e i Condaghes, è legata ad un avvenimento prodigioso.

Currende su Annu de su Segnore nostru Iesu Christu Milliquentu et seygui, Indictione nona, quinta octobris. In su tempus qui papa Paschalis Segundu regiat sa sancta Ecclesia de Roma,… in sa insula de Sardigna regnabat pro Iuyghe et Segnore de su Regnu de Logudore su Christianissimu Constantinu, fígiu qui fuit de Juyghe Mariane quondam, una cum sa prudente de Deu devota Donna Marcusa mugiere sua, sa quale fuit de Arvarè de su Samben de Gunale…. Et regnande ambos unipare… faguende iusta e sancta vida in servissiu de Deus, apisint fígios e figias; et in quo piaguiat a Deus, non de lis podiat regnare, qui totu morían. Inhue deliberaint de andare a visitare sa Ecclesia de sos tres gloriosos Martyres, zo est sanctu Gavinu, Proptu et Ianuariu de Portu de Turres, su quale fuit habitadu dae mercantes Písanos, et altera gente assay, et inivi faguer devotas oraciones, et humiles pregarías cum officios et missas, et luminarias mannas, pregande a Deus, et a sos gloriosos martyres, qui lis concederent unu fígiu o figia pro herede inssoro. Et in ipso facto, fata sa deliberacione, si tucaint, e partidos qui furunt dae sa habitacione cum grandissima gente a pee e a caddu, cum piaguere mannu et triumphu, essendo in camminu, apisint a faguer nocte in sa Ischia de Saccargia. Et inivi per virtude de Deus et de sa gloriosa virgine Maria lis fuit demostradu visibilmente, qui si issos queriant sa gracia, qui in cuddu logu edifícarent una Ecclesia a honore et laude de sa sanctissima Trinidade, zo est de su Padre, de su Figiu, et de su Spiridu Sanctu, et inivi faguerent unu monasteriu de sanctu Benedictu de su Ordine de Camaldulense. Inuhe, vistu su dictu Juyghe Constantinu, et donna Marcusa mugiere sua sa visione angelica, detisirunt recatu de grande moneda gasi comente aviant su podere, et apisirunt mastros Písanos, et edificarunt sa ecclesia et monasteriu de sa Trinidade…

[Codex Diplomaticus Sardiniae, I, p. 192]

Il testo qui sopra, è un breve estratto del Condaghe che racconta, appunto, la storia della fondazione della Basilica.
Il giudice Costantino I di Torres e la moglie donna Marcusa de Gunale, non riuscendo ad avere un erede, fecero voto di recarsi a Porto Torres presso la chiesa dei tre gloriosi martiri Gavino, Proto e Gianuario. Nel tragitto, accompagnati da numerosi sudditi in preghiera, fecero sosta per la notte nella piana di Saccargia presso una chiesetta tenuta dai monaci camaldolesi. Durante la notte, in una visione di angeli e della Madonna, fu rivelato loro che avrebbero ottenuto la grazia di un erede. Veniva chiesto, inoltre, che in quel luogo fosse edificata una chiesa in onore della SS. Trinità e un monastero benedettino per l’ordine camaldolese. Con grande generosità, Costantino e donna Marcusa, adempirono al voto. Dopo breve tempo nacque l’erede tanto desiderato, Gonario, che fu Giudice e signore del regno di Torres.

Veduta dall’alto della Basilica

La fondazione della Basilica di Saccargia risale al 1112. Papa Pasquale II, diede disposizione che tutti i vescovi della Sardegna partecipassero alla sua consacrazione avvenuta nel 1116 con la concessione di grandi indulgenze.