Tag

, , , ,

Dopo aver guidato la Via Crucis e aver fatto il canto davanti alla grande Croce sulla cima del Krizevac, Padre Slavko, mentre si accingeva alla discesa, rendeva l’anima a Dio alle 15,30 del 24 novembre del 2000. Uomo straordinario per fede, per operosità instancabile e amore filiale alla Regina della Pace. Principale animatore spirituale e sociale delle attività della Parrocchia. Tutto a Medjugorje porta il segno dell’opera di P. Slavko ( celebrazioni eucaristiche, adorazione della Croce, Rosario sul Podbrdo, via crucis sul Krizevac, seminari di digiuno e preghiera, seminari per i sacerdoti, per le copie sposate, per animatori di gruppi di preghiera e guide dei pellegrinaggi, assistente spirituale della comunità Cenacolo, fondatore di “Majcino selo”, il villaggio della Madre, autore di diversi libri di carattere spirituale). L’amore per la Regina della Pace lo ho portato a girare tutto il mondo per testimoniare e diffondere il messaggio di pace e riconciliazione della Gospa. Molti ancora ricordano le due venute di Padre Slavko in Sardegna. La prima nel 1990 con testimonianze a Cagliari, Nuoro e Sassari e la seconda al termine della guerra in Bosnia. Agli incontri parteciparono folle numerosissime e a Cagliari tutte e due le volte l’arcivescovo mons. O. P. Alberti mise a disposizione per la testimonianza di P. Slavko la Basilica di N.S. Bonaria. Le sue spoglie mortali riposano a Medjugorje nel piccolo cimitero di “Kovacica”, situato dietro la chiesa, meta continua di pellegrini che si recano a pregare. Nel pellegrinaggio per la festa della Esaltazione della Croce abbiamo avuto la gioia di incontrare Padre R. Laurentin che pregava davanti alla tomba del suo amico Padre Slavko.