Sant’Ignazio da Làconi

Premesse

Quando San Francesco fondò l’Ordine dei Frati Minori non pensò ad una comunità di sapienti, ma di uomini che predicassero il Vangelo dopo averlo vissuto nella povertà più assoluta, nella obbedienza e nell’umiltà.

Noi godiamo qui una fortuna, la quale prova che la fede nel miracolo non è ancora estinta nella Chiesa. Noi vediamo cioè tutti i giorni mendicare attorno per la città un santo vivente, il quale è un frate laico dei cappuccini, e si ha di già acquistato con parecchi miracoli la venerazione dei suoi compatrioti.

Così scriveva ad un amico tedesco (tra il 1773 ed il 1776) il pastore protestante Giuseppe Fuos, cappellano del reggimento Royal Allemand di stanza a Cagliari ed al servizio del Re di Sardegna. Quel “santo vivente” era il frate cappuccino Ignazio da Làconi il quale, con francescana umiltà chiedeva la questua per le strade del capoluogo sardo e con altrettanta semplicità restituiva strepitosi prodigi ai più meritevoli e bisognosi.

Biografia

17/12/1701 Francesco Ignazio Vincenzo Peis nasce a Làconi (Or) da Mattia Cadello Peis ed Anna Maria Sanna Casu
18/12/1701 Riceve Comunione
17/05/1707 Riceve il sacramento della Cresima direttamente dall’arcivescovo di Oristano, Mons. Francesco Masones.
10/11/1721 Inizia il noviziato con il nome di Fra’ Ignazio nel convento di San Benedetto a Cagliari
10/11/1722 Emette la Sua professione solenne.
1722-1742 È addetto alla cucina ed al lanificio a Cagliari, a Iglesias, a Domusnovas, Sanluri, Oristano, Quartu Sant’Elena ed infine, nuovamente a Cagliari
1742-1779 È questuante per la città di Cagliari
1779 Perde la vista. Viene dispensato dalla questua, ma per Sua volontà vuole comunque continuare a partecipare alla vita comune dei frati, sottostando a tutte le regole e alle pratiche disciplinari.
11/05/1781 Muore nella infermieria del Convento di Buoncammino a Cagliari
18/12/1821 Viene eseguita la ricognizione della salma
16/07/1844 Inizia la causa
26/05/1869 Papa Pio XII dichiara l’eroicità delle virtù
16/06/1940 Viene dichiarato beato da papa Pio XII
21/10/1951 Papa Pio XII lo dichiara santo
27/08/1960 Inaugurazione del museo di sant’Ignazio a Làconi
08/1976 Grande pellegrinaggio di tutta la Sardegna con l’urna del santo
11/05/2007 Viene eletto patrono della provincia di Oristano

Miracoli, cure e segni

Luoghi Significativi

La casa natale a Làconi (OR)

Il Santuario

Chiesa di San Benedetto